Servizi - Carta dei servizi del Centro antiviolenza

Il Centro Antiviolenza Donne Insieme Contro la Violenza nasce con l’intento di assicurare sostegno e tutela a tutte le donne vittime di violenza. L’impegno è volto anche ad un’opera di informazione e sensibilizzazione della comunità nei confronti di un problema che, minacciando la salute della donna e dei minori, vittime di violenza assistita, mina l’integrità ed il valore della persona e della famiglia.

Si occupa di accoglienza, consulenza, sostegno e protezione a favore di donne, vittime di maltrattamenti, violenze, abusi.

La carta dei servizi si basa sui principi fondamentali dell’Associazione:

  • creare uno spazio di iniziativa culturale, sociale, politica aperto a tutte le donne, senza distinzioni religiose, etniche, politiche e sessuali, con la finalità di favorire la crescita di un soggetto femminile autonomo, che sia cittadina a tutti gli effetti, che si riconosca nei saperi e nelle culture femminili.
  • promuovere iniziative sociali senza fini di lucro, basate sul lavoro volontario delle socie e delle operatrici.

Il Centro Antiviolenza fa parte della Rete Regionale e della Rete Nazionale dei Centri Antiviolenza ed opera secondo le finalità, gli obiettivi e le metodologie elaborate dai Centri in Italia:

  • si riconosce nell’ottica della differenza di genere, che ritiene la violenza alle donne una violenza che ha radici nella disparità di potere tra i sessi.
  • gestisce l’accoglienza telefonica e diretta di donne che hanno subito violenza e svolgono attività finalizzate a contrastare la violenza.
  • svolge attività prevalentemente rivolta a contrastare tutte le forme di violenza (fisica, psicologica, sessuale, economica, stalking) e sostiene progetti di donne che vivono situazioni di temporaneo disagio e difficoltà.
  • realizza quella metodologia di accoglienza, che si basa sulla relazione tra donne e che implica un positivo rispecchiamento del proprio genere. Il percorso di uscita della violenza viene negoziato e rinegoziato in un continuo processo di reciprocità.
  • Accoglie donne sole o con figli/e tenendo presente il significato e l’impatto delle diverse etnie, cultura, religione, appartenenza di classe e di orientamento sessuale, nel rispetto delle differenze culturali e dell’esperienza di ciascuna.
  • Fornisce strumenti ed informazioni circa i diritti, le risorse, le strategie al fine di restituire alle donne autonomia e consapevolezza.
  • Rileva i bisogni formativi interni e quelli della rete territoriale, scaturiti dalla necessità di aumentare e scambiare conoscenze, far circolare metodologie ed esperienze sulla violenza.
  • Promuove campagne di sensibilizzazione e prevenzione per diffondere la conoscenza dei Centri antiviolenza, le loro metodologie, il problema della violenza alle donne e ai bambini/e, la cultura della differenza di genere.
  • Organizza convegni, dibattiti, cicli di seminari per approfondire la tematica della violenza e per incidere sull’opinione pubblica, i mass media, le istituzioni.

Cosa offre il servizio
  • Ascolto telefonico per informazioni di prima necessità
  • Colloqui individuali alle donne che subiscono o hanno subito violenza
  • Informazioni e sostegno per riconoscere e valutare le conseguenze della violenza
  • Sostegno nel riconoscimento delle dinamiche caratterizzanti il comportamento aggressivo del partner e nell’attivazione di forme di tutela personalizzate
  • Supporto durante il percorso da seguire con i Servizi Sociali e Sociosanitari
  • Orientamento legale
  • Consulenza psicologica
Tutti i servizi sono integralmente gratuiti per l’utenza.
Modalità di funzionamento dei Servizi:
Le operatrici hanno sviluppato competenze professionali attraverso una formazione specifica, un aggiornamento costante e tramite l’esperienza diretta di ascolto, accoglienza e relazione con le donne che hanno contattato il servizio. Sono inoltre tenute a partecipare agli incontri di supervisione e di team del centro e ai vari corsi di aggiornamento proposti.

Lavoro di rete e sensibilizzazione

Il Centro Donne Insieme Contro la Violenza lavora in rete con Servizi Sociali, Consultori e Forze dell’Ordine al fine di cooperare nel raggiungimento dei risultati attesi.
Raccoglie e aggiorna continuamente i dati per avere un costante monitoraggio sul fenomeno.
Inoltre promuove campagne di sensibilizzazione e prevenzione per diffondere la conoscenza del Centro Antiviolenza, la sua metodologia, il fenomeno della violenza alle donne e ai bambini, la cultura della differenza di genere. Organizza convegni e dibattiti per approfondire la tematica della violenza e per incidere sulla opinione pubblica, i mass media, le istituzioni.
Promuove nelle scuole primarie di secondo grado percorsi di prevenzione e sensibilizzazione rispetto ai comportamenti lesivi della dignità altrui.

Attività

-Colloquio telefonico:
  • Risponde una operatrice che aiuta la donna a chiarire la domanda, fornisce indicazioni sul percorso da intraprendere, fornisce informazioni sui servizi dell’Associazione e su quelli pubblici, fissa appuntamenti per il colloquio di accoglienza, ed eventualmente per i servizi di informazione legale o consulenza psicologica.
  • L’operatrice compila anche una scheda standard che riporta i dati anagrafici, la situazione familiare, il motivo della richiesta e l’eventuale appuntamento concordato (legale, psicologa, colloquio), rispettando le norma della privacy imposta dalla legge.
- Colloqui di accoglienza
  • Il primo colloquio di accoglienza viene fissato di solito a distanza di alcuni giorni dalla richiesta telefonica, per lasciar intercorrere un tempo di «riflessione» tra il primo contatto, che avviene spesso in una situazione di crisi ed il momento dell’accoglienza.
  • Condizione indispensabile per il colloquio è che venga deciso direttamente con la donna; non è prassi, quindi, fissare colloqui se la richiesta proviene da un’altra persona, se non da soggetti istituzionali di riferimento.
  • I colloqui vengono condotti dall’operatrice, che ha avuto il primo contatto, affiancata da un’altra operatrice. I colloqui sono finalizzati ad approfondire e a definire i problemi della donna, a valutare insieme risorse e vincoli, a sostenerla nel suo percorso.
- Consulenze
  • Colloqui psicologici
    La consulenza psicologica prevede dei colloqui di uscita dalla violenza, la cui durata verrà stabilita a seconda del caso.
  • Informazione legale
    Il servizio legale si esplica in colloqui informativi sui diritti e sulle norme della legislazione civile, penale e internazionale.
- Lavoro di rete

- Raccolta ed elaborazione dei dati
Powered By WSG3 STUDIO