Domande e Risposte - Donne Insieme Contro la Violenza
Vuoi farci una domanda?
Scrivendocela qui sotto potrai farlo nell'assoluto anonimato!

Buongiorno... sono una ragazza di 28 anni, ho un bimbo di quasi 4 anni e lavoro a Milano come segretaria anche 10 ore al giorno per poter ottenere denaro adeguato alle esigenze di mio figlio(purtroppo guadagno poco all'ora).fino a ieri sono stata insieme al mio ex compagno(il padre di mio figlio),ma la nostra è sempre stata una relazione tra alti e bassi, poiché 2 anni fa abbiamo convissuto insieme in una casa(intestata INTERAMENTE A ME!!!),MA L'HO LASCIATO perché non mi trattava bene!aveva sfoghi di rabbia, urlava davanti al bambino, mi minacciava, mi denigrava, mi umiliava davanti agli altri, lanciava gli oggetti verso di me vicino al bambino,parolacce,insulti, anaffettività nei miei confronti(non mi ha mai picchiata fisicamente).poi dopo qualche mese, ci siamo riavvicinati lo stesso(per nostro figlio e perché ci volevamo bene), ma lentamente è ritornato quello di priva, ovvero: non mi stava più vicino fisicamente e mentalmente, ha cominciato a dirigere, controllare e giudicare il mio modo di vivere, le mie scelte dicendo che "non ero in grado di prendere decisioni giuste e soprattutto dovevo avere sempre il suo consenso,se no mi avrebbe lasciata",poi lentamente è andato a peggiorare...lui ha un lavoro autonomo,ma non gli procura guadagno sufficiente, in più ha debiti della sua società. Io percepisco i soldi dell' affitto di casa mia(avendola affitata a 2 ragazzi per 4 anni), ma quei soldi che ricevo li dovevo dare al mio compagno perché si doveva pagare i debiti. tutto è esploso dal momento in cui per 1-2 mesi ho avuto delle difficoltà economiche e non sono riuscita a darglieli!da lì è esplosa la bomba: mi ha lasciata con tanto di insulti, svalorizzazioni(sono scema,faccio schifo,sono una pessima madre ecc..)e di minacce dove mi ha detto che avrebbe fatto di tutto per non farmi vedere o sentire il bambino, mi avrebbe messo tutte le persone contro e me l'avrebbe fatta pagare..solo perché non sono riuscita a dare il mio affitto a lui per motivi economici..premetto: momentaneamente sono in una stanza in affitto a Milano, il mio ex è a casa di suo padre con nosto figlio(quindi ora ce lo ha lui durante il giorno quando lavoro perché non lavora e lo tiene a dormire)cosa posso fare?dove sto sbagliando?

Carissima,

intanto inizio col dirti che non hai sbagliato. È vero che lui non ti ha mai picchiata, ma ti ha lanciato oggetti non curandosi che ci fosse anche suo figlio vicino a te, in più c’è della violenza psicologica dovuta agli insulti e svalorizzazioni; mi sembra anche di capire che sia sempre stata tu a provvedere al benessere di tuo figlio, a parte ora che sta in casa del nonno col padre. Inoltre non sei tenuta a coprire i suoi debiti, a meno che non ci siano da parte tua degli avvalli o fideiussioni. Dici di esser in affitto a Milano vuol dire che vicino a te non hai genitori o parenti che ti possono aiutare? Se vuoi chiamarci questo è il nostro contatto telefonico 0290422123,o email info@donneinsieme.org,  come centro antiviolenza possiamo offrirti dei colloqui di accoglienza e alcune consulenze legali gratuite. Noi siamo a Pieve Emanuele sud Milano, ma ci sono anche centri a Milano dove puoi rivolgerti ed avere gli stessi servizi.

Powered By WSG3 STUDIO