Domande e Risposte - Donne Insieme Contro la Violenza
Vuoi farci una domanda?
Scrivendocela qui sotto potrai farlo nell'assoluto anonimato!

Ciao mi chiamo Carla ho 31 anni ed un figlio di quasi 5 anni. Premetto che sono rimasta incinta del mio compagno, con cui ero fidanzata da 4 mesi. Purtroppo all’epoca non avevo carpito la sua natura ignobile e maschilista. Mi umilia continuamente anche davanti a parenti e amici, mi fa violenza psicologica, dice che sono un incapace, che non so fare niente e che dovrei ringraziarlo tutti i giorni perché lui da da vivere a me e mio figlio e che il mio lavoro è inutile perché guadagno troppo poco. Gli dissi che se continuava così me ne sarei andata con mio figlio. Prendevo la pillola per il timore di rimanere nuovamente incinta, ma in un periodo di pausa per problemi di salute sono rimasta purtroppo incinta. (L’ha fatto a posta!) Adesso sono quasi alla nona settimana. Volevo abortire ma non ho avuto il coraggio. Non so cosa fare. Sto malissimo

>>> Leggi Risposta

Salve ho 28 anni,vorrei un parere da una persona esterna,perché nn ci capisco più nulla.Da premettere che sono fidanzata da quasi sei anni, e ultimamente le cose tra me ed il mio fidanzato non andavano bene.stavamo passando un periodo di crisi ed io volevo prendermi una pausa.Un giorno,andando su una chat conosco una persona(un ragazzo marocchino di 31 anni venuto in Italia clandestinamente senza documenti)così decidiamo di incontrarci, e da subito mi dice che vuole stare con me,che sta bene con me,aspetta che Lascio il mio fidanzato.Lui è molto romantico dolce e mi da attenzioni, che nn mi da il mio fidanzato in quel periodo. Un giorno mi chiama dicendomi che deve cambiare città perché deve lavorare,così viene da me a salutarmi.dopo neanche un mese decidiamo di vederci e vado io nella città dove abita,prendiamo un albergo ed io inizialmente non volevo dormire con lui perché non lo conoscevo ,lui disse che dovevo fidarmi perché lui nn era come le altre persone nel suo paese,che per portare a letto una ragazza le mettevano qualcosa nell'acqua..lui era una brava persona e che potevamo dormire anche senza fare nulla. Mi convinco. prendiamo una stanza tutti e due ma non andò così,come disse perché lui ci provò con me e dopo qualche bacio,subito volle avere un rapporto.Io nn volevo anche perché mi stava facendo male,ma lui continuò. Il giorno dopo mentre eravamo in treno lui prende il mio telefono e Vide dei messaggi che scambiai con altre persone,si arrabbiò tanto ma non volle litigare nel treno perché aveva vergogna .Cosi quando scendemmo iniziò a gridare, buttò una bottiglina d'acqua a terra,andò fuori la stazione lasciandomi da sola li,chiamo' un ragazzo con cui parlavo e fece una scenata di gelosia.. quando finì li ,tornammo in hotel,se nn sbaglio lui voleva avere di nuovo un rapporto,ma lo rifiutai, così lui si arrabbiò e iniziò a vestirsi a dire che se ne voleva andare e lasciò i soldi dell'hotel sul comodino(umiliazione)però io non sapevo il vero motivo del perché lui si stesse comportando così, e all'improvviso mise in mezzo il litigio successo prima e disse che lui prima non era così,e che se fosse successo con un'altra ragazza avrebbe rotto la testa sia a lei che a lui. (Colo passare del tempo mi disse che fece tutto a posta,perché voleva mettermi alla prova).Il giorno dopo tornai a casa e lui mi mandò tanti messaggini dolci,disse che gli mancavo ecc.. così in quel periodo continuiamo a scriverci e a videochiamarci . Una sera mentre eravamo a telefono, lui inizia ad eccitarsi e a dirmi cose sul sesso.. provò anche a dirmi toccati un po',ma io subito staccai il telefono dicendogli che nn doveva permettersi più. Mi chiese scusa e continuammo a sentirci,un giorno ci mettiamo d'accordo e decide di venire da me,così ci incontriamo, andiamo in albergo e si ripetono le cose dell'altra volta. Io provo dolore,ma lui continua a obbligare a stare con lui,cerco di spostarlo ma fa forza su di me e nn riesco a fare niente(in tutto questo,lui vuole un figlio)In quel momento penso anche che sto bene con lui e che mi piace di più stare con lui,che con il mio ragazzo (ma come ho fatto?!?) oltre questo dorme fino All'una o alle due del pomeriggio ed io che aspetto si svegli,quando usciamo sta col telefono e nn mi pensa,ma continuo a far finta di niente,però dopo un po' mi compra una rosa,facciamo tante foto, lui continua a dire che vuole me e che devo lasciare il mio ragazzo,ed io penso che sto bene con lui. Finito il weekend ritorna nella città dove vive.Passano i giorni ,scopro di essere incinta,(nonostante abbia preso la pillola del giorno dopo)lo dico a lui, ed e' felice. Decido di fare l' IVG ma a lui dico che ho avuto un aborto spontaneo. Nn ci vediamo per un paio di mesi ma continuiamo a scriverci e a sentirci.. Un giorno vengo a sapere che lui parla con un'altra ragazza e nn voglio sentirlo più. Così lui,disperato viene da me (con il pullman ci mette 9 ore circa, per venire la mattina e andarsene la sera)a chiedermi scusa,a piangere e a dirmi che non è come pensavo,ma che lei è la fidanzata di un suo amico.. e mi dice anche che tra me e lui nn finirà mai,è che la mia città è piccola e lui potrebbe sempre venire a sapere dove mi trovo. Continuo a sentirlo, fortunatamente nn lo vedo da 3 mesi,tante volte ho cercato di dire che nn deve chiamarmi più, ma lui dice che è impossibile, è che devo ricordarmi le parole che ci siamo detti il primo giorno che ci siamo visti ( che lui voleva stare per sempre con me,è che io prima o poi avrei lasciato il mio fidanzato per stare con lui) . Al mio fidanzato nn ho detto tutto,ho detto che ho visto questa persona,ma nn è successo niente,è che quando sono rimasta incinta sono stata abusata ad una festa (io veramente ho provato questa sensazione) lui mi ha accompagnata all'ospedale per fare l'aborto e mi è stato vicino, adesso entrambi stiamo facendo un percorso psicologico. La mia psicologa dice che si tratta di una pseudo-violenza. Intanto lui mi cerca ancora e dice che se il mio fidanzato sapesse tutto,sicuramente mi lascerebbe.Così nn ho il coraggio di chiudere tutti i rapporti con questa persona,(sto provando ad allontanarmi)per paura che potrebbe dire qualcosa o mandare foto nostre. Nn so come è potuto capitare tutto ciò in così poco tempo e nn so perché io abbia fatto una cosa del genere.

>>> Leggi Risposta

Salve, ho 21 anni e sono appena uscita da una relazione che è durata circa un anno con un uomo più grande di me (11 anni in più). Martedì sera, dopo averlo lasciato qualche giorno prima tramite messaggi, ho pensato che fosse il caso di parlare di persona per lo meno per chiarire le cose, per rispetto di tutto quello che c'era stato tra noi... Appena mi ha visto ha cominciato ad agitarsi e non faceva altro che dirmi che non ce la faceva più, che era stanco, che non mi sopportava più (erano due settimane che non stavo molto bene, è stata colpa mia?)... Una parola tira l'altra ci siamo insultati pesantemente, fino a che lui mi ha chiesto di tornare indietro e guardandomi negli occhi mi ha detto che mi avrebbe ammazzato, che mi avrebbe dato una gomitata in bocca se non fossi stata zitta, che mi avrebbe zittito lui... Ho cominciato ad urlare che fosse un pazzo e mi è venuto dietro fino alla macchina... A quel punto ho sentito le sue mani ovunque, mi ha spinto, strattonata, mi ha buttato sul sedile... Io non ho avuto la forza di difendermi, di fare nulla se non urlare... È intervenuto un signore che ha cercato di calmarlo. C'erano stati campanelli d'allarme anche prima (anche se non mi aveva mai alzato le mani), ma ero troppo innamorata per vederli... Era spesso depresso, una volta mi ha chiamata dicendomi che si sarebbe ammazzato, che io ero l'unica ragione della sua vita, che lui era un fallito, che voleva fossi l'ultima donna della sua vita... Mi fa male il fatto che la stessa persona che mi guardava con gli occhi lucidi mentre mi diceva che mi voleva bene è stata la stessa che nel lasso di qualche giorno è riuscita a dirmi "ti ammazzo, giuro che ti ammazzo".. Come si può accettare una cosa del genere? Come è possibile? Come puoi fare del male, minacciare, la stessa persona che stringevi qualche giorno prima?

>>> Leggi Risposta

Salve ho 37 anni ero fidanzata da un anno e mezzo il mio ragazzo 5 giorni fa mi ha picchiata mi ha dato dei pugni in testa mi ha trascinata per i capelli e una volta a terra mi calpestata la caviglia e prendeva a calci mi ha sputata addosso una 20 di volte tutto questo a casa sua e il motivo era perché diceva che non mi voleva più una volta arrivata a casa mia sono andata al pronto soccorso ma nn ho denunciato.dopo 4 giorni sono 3 mattine che viene sotto casa mia ma questa volta no io non ci cadro'piu nn si può e così?

>>> Leggi Risposta

Buona sera.. sono qui per chiedervi aiuto perché iniziò ad avere paura di mio marito Ultimamente non facciamo altro che litigare e spesso lui finisce a volte per spaccare qualcosa (tipo oggi ha spaccato in due un gioco del nostro bambino) e altre volte mi ha messo anche le mani addosso.. Chi mi può aiutare?

>>> Leggi Risposta

Il compagno/ex di mia nonna le ha alzato le mani. So che luoghi frequenta, e voglio farlo spaventare a tal punto da non farlo nemmeno avvicinare più a lei. Lei non sa che lo sono venuta a sapere e lei stessa ha detto a mia madre di fare finta di niente in caso lo incontrasse. Ma io non ci passo sopra

>>> Leggi Risposta

Buonasera, sono una ragazza di 28 anni.. Giovedì scorso ho litigato ormai con il mio ex e padre di mio figlio di 6, è stato visto in macchina con un altra e siccome la situazione è delicata perché a novembre ci siam lasciati lui ha avuto una scappatella poi siam tornati e poi ci siam lasciati.. fatto sta ke stavamo di nuovo per tornare insieme.. quando le ho detto ke l avevano visto si è arrabbiato moltissimo, mi ha insultata mi ha minacciata mi ha picchiata dicendo che mi avrebbe ammazzata il tutto davanti a nostro figlio di 6 anni. Nel frattempo, per fortuna ho chiamato mia mamma dicendo ke mi avrebbe picchiata e lei ha chiamato i carabinieri ma sfortunatamente nn ho avuto coraggio di denunciarlo. nel frattempo si è intromesso mio padre facendolo andar via e adesso lui ora non vuole ne sentirmi ne vedermi e fa ancora lui l'arrabbiato e mi ha bloccata ovunque. Io volevo sapere, ho un forte senso di malinconia e per questo sto andando da uno psicoterapeuta perché queste persone ti distruggono anche a livello emotivo ma è normale che non riesco ad odiarlo? in questi anni ci son stati altri episodi di violenza che io non ho mai parlato ma adesso i miei sanno tutto e non vogliono che lui si avvicini a me. Grazie

>>> Leggi Risposta

Stasera sono stata sbattuta per terra e picchiata. Minacciata da un "io ti ammazzo" il tutto davanti a mia figlia di 3 anni e mezzo che ha pensato anche sia stato giusto, perchè il litigio è scaturito (apparentemente) da uno schiaffo che ho dato a lei per una cosa sbagliata che ha fatto. Lui sa bene che il motivo non è quello, perché alza le mani molto più di me. Che devo fare? Conviviamo e io purtroppo non lavoro.

>>> Leggi Risposta

Salve sn mesi che un ex vicino mi minaccia e stolkerizza....É arrivato ha picchiarmi sempre in modo vile e di soppiatto ....ho,denunciato ieri e fatto un referto.dopo qlc gg il dolito stolker mi ha visto mi é venuto dietro a piedi ,perche abita nuovamente vicino a noi ...e mi ha detto (vacca ti ammazzo e poi ti do fuoco)io dono scappata vetso casa e il maniaco mi e venuto dieyro in auto ,é sceso e ha fatto avanti in dietro lungo il confine. Sono terrorizzata, ...come posso fare un consiglio.Sandra cell 3457654453

>>> Leggi Risposta

Ho 38 anni una bimba di tre anni e uno di un anno mio marito è un buon padre mi aiuta in casa ma al minimo litigio mi piacchia l\'altro ieri mi ha spaccato il labbro mi ha colpita che avevo il bimbo in braccio e dice che la colpa e mia che lo istigo , dopo due giorni si avvicina mi vuole abbracciare ma io non ho più fiducia ! Come posso comportarmi lo farà di nuovo in un mese mi ha colpita due volte!

>>> Leggi Risposta

Powered By WSG3 STUDIO